Fuori Tg - Fuori pagina

di Maria Rosaria De Medici

  • Quanto pagate per assicurare la vostra auto? Qualunque sia la vostra risposta, sappiate che tra pochi giorni avrete nuove possibilità per risparmiare, almeno in teoria. Perché poi – si sa – le compagnie di assicurazione ci devono sempre guadagnare…

    Ma insomma, vogliamo essere ottimisti. Proviamo a guardare con fiducia ad alcuni dei provvedimenti, che, in azione combinata, potrebbero calmierare il prezzo delle polizze, e riordinare almeno in parte il settore. Tanto per cominciare, c’è la possibilità di sottoscrivere una polizza che preveda l’installazione di una scatola nera sul veicolo assicurato. Ufficialmente sarà a spese della compagnia di assicurazione. Ma siamo sicuri che il costo non finirà per scaricarsi sull’assicurato?

    Già oggi alcuni montano la scatola nera, ma non sempre gli sconti sono veri, soprattutto perché a volte non si capisce quale sia il costo iniziale della polizza. La tendenza è di proporre una tariffa personalizzata, verificando in base alle registrazioni dei comportamenti del guidatore il suo livello di prudenza e di attenzione, quando accelera e quando decelera, quando rispetta i limiti di velocità e quando li infrange, in modo da valutare le responsabilità in caso di sinistro.

    La parziale riforma del settore mira a colpire i “furbetti” delle frodi, quelli che organizzano falsi incidenti e intascano veri rimborsi. Rischiano fino a cinque anni di reclusione, e i loro nomi, oltre a quelli dei testimoni saranno archiviati in una banca dati antifrode, in modo da rimanere a disposizione delle autorità. Non solo.

    Il nuovo decreto segna la fine dei rimborsi per danno biologico causato da lesioni di lieve entità, come il  “colpo di frusta” non documentato da referti clinici o specifiche attestazioni medico-legali. C’è anche un capitolo sulla contraffazione dei contrassegni, chi verrà trovato con un falso tagliando avrà quindici giorni di tempo per mettersi in regola, e poi i suoi dati verranno comunicati alle forze di polizia. E nel giro di un paio di anni tutti i contrassegni saranno sostituiti da sistemi di controllo elettronici.

    Ora, i finti incidenti, le truffe e i tagliandi falsi sono sempre stati le motivazioni ufficiali delle compagnie di assicurazione per l’aumento dei costi delle rc auto, anche se in effetti – dati alla mano – le frodi non riguardano che una minima percentuale rispetto al totale dei veicoli assicurati. Comunque, cambierà qualcosa da ora in poi? Non ne sembrano convinti i consumatori – temono che le novità finiscano per andare a beneficio delle compagnie di assicurazione piuttosto che dei clienti. Voi che ne pensate?

  • 2 Commenti

    WP_Modern_Notepad
    • mdemedici scrive:

      Finora le compagnie di assicurazione hanno sempre negato di aver utilizzato i dati registrati dalla scatola nera – tipo il mancato rispetto dei limiti di velocità – per rifiutare il risarcimento dei danni causati da un incidente.
      Esiste però un certo tipo di contratto che subordina lo sconto per l’anno successivo all’accettazione da parte del cliente di una valutazione dei suoi comportamenti al volante. Vuol dire che si rischia di non vedere rinnovato lo sconto sulla polizza nel 2013 se nel 2012 si sono superati i limiti di velocità un certo numero di volte – definite dal contratto.
      Per quanto riguarda la rivalsa, le assicurazioni possono applicarla solo in caso di truffa, se scoprono cioè che l’incidente è di minore entità rispetto a quanto denunciato, o se il danno alla persona – tipico è il caso del colpo di frusta – non è così grave da giustificare il rimborso richiesto.
      Insomma, conviene fare attenzione a tutte le clausole dei contratti che ci vengono proposti.
      Grazie Mino, e continui a seguirci
      Maria Rosaria

    • Bondi’,
      vorrei sapere se faccio un incidente e la scatola nera dell’auto dice che in quel momento superavo il limite di velocita’ per quella strada, l’assicurazione risarcisce l’incidente oppure no ?
      O puo’ fare rivalsa , per esempio ?

      Grazie

      Mino – Genova

    Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.
  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Calendario