Fuori Tg - Fuori pagina

di Maria Rosaria De Medici

  • Il problema è la produttività? Certo, non si tratta di una questione trascurabile. Se pensate che il costo del lavoro per unità di prodotto in Italia supera del 35% in media quello della Germania, allora sì che può diventare un problema… si parla di produttività del lavoro, che dipende dalla qualità di capitale umano, di preparazione della manodopera, ma anche dai progressi tecnologici e dall’organizzazione.

    E’ un discorso complesso, che sembra ridotto però, nel nostro Paese, a un dibattito fra le Parti Sociali, su quanto gli aumenti salariali che arrivano coi rinnovi dei contratti di lavoro debbano essere ripartiti tra una quota nazionale, uguale per tutta la categoria, e una quota aziendale.

    Ma siamo sicuri che il punto sia questo? Non è che mancano in Italia altri pezzi di sistema, essenziali al buon funzionamento del mercato del lavoro, partendo dalla scuola e dall’università, e al loro raccordo con le aziende, per arrivare alla formazione dei disoccupati, e agli investimenti delle imprese in tecnologia, al costo dell’energia, ai tempi della giustizia civile, e al ruolo dello Stato nella realizzazione di infrastrutture, nell’alleggerimento della burocrazia e nel funzionamento di enti e istituzioni al servizio delle imprese?

    Ne abbiamo parlato mille volte. Tutto è collegato, quindi, comunque vada la riforma della produttività, non basterà da sola a risolvere il problema. Restano i pochi soldi nelle tasche di chi lavora, il potere d’acquisto basso che contribuisce a tenere bassi i consumi nazionali. In queste condizioni faremo fatica a uscire dalla recessione. Figuriamoci con salari ancora più bassi….

    Comments

    comments

  • Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.
  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Calendario