Fuori Tg - Fuori pagina

di Maria Rosaria De Medici

  • Tutto si può replicare, ma tutto ha un prezzo. Anche credere di fare un affare comprando una borsa falsa, imitazione di qualche griffe prestigiosa,  vuol dire alimentare un mercato criminale, che arricchisce chi gestisce il traffico e impoverisce chi fabbrica l’oggetto in condizioni di sfruttamento e lavoro nero.

    Oggi si falsifica tutto, dalle componenti per automobili ai software, alle medicine, alle sigarette, oltre ad abiti e scarpe, che tra l’altro si vendono in internet attraverso siti fatti apposta per trarre in inganno il compratore. Credete di acquistare da un’azienda italiana di moda e lusso, invece vi arriva un prodotto copiato in Cina. Come difendersi?

    Se andate a leggere l’origine del sito potete facilmente risalire fino al Sud-est asiatico, principale patria del falso, e scoprire una data di inizio attività molto recente. Questo è un altro indicatore interessante, perché i siti del falso per loro natura hanno vita breve, chiudono non appena arriva una denuncia delle aziende danneggiate dalla contraffazione dei loro prodotti, e riaprono subito dopo sotto altro nome.

    Ci sono molti stranieri al lavoro nelle manifatture del falso che hanno sede nel nostro paese, ma ci sono anche professionisti italiani conniventi, possono essere commercialisti ma anche pubblici ufficiali, perché c’è bisogno di qualcuno che faccia i conti ma anche di chi chiuda un occhio sui controlli, o magari non applichi le sanzioni previste nei confronti di chi compra, in teoria ci sarebbero multe fino a settemila euro –  ne avete mai sentito parlare?

    Uno dei problemi è la dogana che passa da due-tre porti chiave e da un paio di aeroporti: superate quelle barriere, la merce, una volta dentro, sfugge alle maglie di ulteriori controlli.

    Comunque, alla fine siamo noi i destinatari di questo mercato, per quanto ancora vogliamo alimentarlo? Siamo furbi o conniventi?

  • Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.
  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Calendario