Fuori Tg - Fuori pagina

di Maria Rosaria De Medici

  • Una volta si diceva: “il lavoro sicuro, quello in un ufficio pubblico. Noioso ma certo, senza sorprese: una volta vinto il concorso ti assumono e vai avanti liscio fino alla pensione”.

    E invece, contrordine: il precariato ingorga anche la Pubblica Amministrazione, e i contratti a termine in scadenza sono un problema comune, che non riguarda solo il privato, ma anche lo Stato e gli enti locali.

    L’ultima proroga allunga di altri sette mesi la speranza degli oltre trecentomila precari delle amministrazioni pubbliche, che rischiavano di concludere la loro esperienza contrattuale a fine anno, e poi di ritrovarsi in una pausa a tempo indeterminato.

    Perché quando di mezzo c’è la revisione della spesa, allora gli organici si restringono, e le amministrazioni devono percorrere strade obbligate per ridurre il personale. La parola magica è gradualità: prima i prepensionamenti del personale in possesso dei requisiti richiesti dalle regole pre-riforma, poi, per tutti gli altri, si può prevedere il trasferimento ad altri uffici, il part-time, giù fino al temuto scivolo di mobilità biennale, a stipendio ridotto, naturalmente…

    Il mercato del lavoro peggiora in Italia, non si vedono ancora i benefici della riforma. E’ colpa delle norme oppure della crisi? Le opinioni si dividono. Mentre economisti e giuslavoristi discutono animatamente, le persone in cerca di lavoro si preparano a inventarsi l’ennesima occupazione provvisoria, per mettersi qualche soldo in tasca a fine mese. Magari sarà un lavoro a tempo  parziale, saltuario, intermittente, come le luminarie delle feste: si spegnerà tra qualche settimana. Auguri a tutti i precari.

  • Un commento

    WP_Modern_Notepad
    • porto a conoscenza la situazione di un concorso pubblico del lontano 1998 il 184 vvf che a portato ancora ad oggi il taglio di idonei dello stesso ad essere a distanza di 14 anni dopo tante proroghe e dopo una vicissitudini di altri concorsi sempre per l’assunzione nel corpo succeduti dopo il nostro, ancora al taglio di diversi che come me non hanno ancora abbandonato la speranza.
      ieri il senato ha portato all’ultimo episodio quello di respingere un’emendamento che ci permetteva di prolungare la graduatoria e che ci dava finalmente la giustizia di essere assunti.
      tutti non ne parlano sa’ di anticostituzionale vedete se potete fare qualcosa voi forzando il discorso e portandoci ad avere la giustizia che meritiamo.
      grazie

    Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.
  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Calendario