Fuori Tg - Fuori pagina

di Maria Rosaria De Medici

  • postura della schienaAvete problemi di mal di schiena? Avete provato di tutto e non c’è nulla che vi sia stato realmente d’aiuto? Secondo le ricerche dell’Università La Sapienza di Roma tre persone su quattro soffrono di mal di schiena almeno una volta nella vita… non vuol dire che tutti abbiano dolori cronici  alla colonna vertebrale, ma di certo la schiena, sia il tratto lombare che quello cervicale sono sottoposti a continui stimoli di tipo muscolare e posturale, alcuni dei quali possono scatenare il dolore.

    Un tempo si cercava di individuare la posizione corretta da mantenere per mettersi al riparo dalla sofferenza, in realtà si è scoperto che si tratta di un falso problema, nel senso che la risposta migliore, ciò che più di tutto protegge la schiena è l’elasticità, e quindi conviene muoversi, cambiare frequentemente posizione, per evitare di “incriccarsi”.

    La prova sta nel fatto che proprio le persone che non variano la propria attività fisica sono le più esposte. E poco importa che si tratti di impiegati destinati a stare seduti otto ore alla scrivania o di commessi di panetteria, sempre in piedi dietro al bancone.

    Il corpo umano è fatto per muoversi, e ogni risposta attiva al dolore di schiena è meglio di una manipolazione passiva, che magari porta un beneficio temporaneo ma poi ci lascia esattamente dove eravamo, al punto di partenza.

    Ormai per individuare il problema esistono esami innovativi, in grado di mettere a fuoco i fattori che influenzano la postura – i  più diversi, dall’appoggio dei piedi alla posizione degli occhiali da vista, alla cattiva occlusione della mandibola, fino alle patologie viscerali e addominali, come le coliti. Una volta scoperto perché ci fa male la schiena, è meglio imparare semplici esercizi posturali che prendere farmaci o applicare cerotti contro il dolore.

    Come medicina preventiva viene consigliata una passeggiata a piedi, quotidiana, dopo aver posteggiato l’auto a un quarto d’ora di cammino  dall’ufficio, se ce n’è la possibilità un po’ di ginnastica in acqua, o movimento in palestra. Per il resto la medicina non ha risposte certe, si procede per prove ed errori, quindi se un certo tipo di allenamento vi provoca fastidio alla schiena, forse è perché i movimenti non sono corretti, nel dubbio voi interrompetelo, e passate a un altro tipo di attività. Ma non fermatevi.

  • Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.
  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Calendario