Fuori Tg - Fuori pagina

di Maria Rosaria De Medici

  • cenoneC’è da mangiare per tutti? No, non è la domanda che ci facciamo alla vigilia di Natale, quando siamo in giro a fare la spesa per i giorni di festa, è invece una questione mondiale.

    La contraddizione degli anni duemila si esprime nella ricerca di cibo, buono e giusto, sufficiente per tutti, per sfamare 842 milioni di persone che soffrono perché non hanno da mangiare a sufficienza, non hanno quello che serve per sopravvivere e difendersi dalle malattie. Mentre più di un miliardo sono i cittadini del mondo che vivono al di sopra del loro peso normale, e 500 milioni sono gli obesi.

    Leggi tutto…

  • stroke unitUn’emorragia o l’occlusione di un’arteria cerebrale. I tessuti del cervello restano in parte senza nutrimento e subiscono danni gravi, quando arriva l’ictus bisogna intervenire subito. Si chiama il 118 e si corre al pronto soccorso? Ma quale? Il più vicino, questo prescrivono i protocolli di emergenza.

    Peccato che non tutti gli ospedali oggi dispongano di un’unità specializzata nella terapia intensiva post-ictus. Le “stroke unit” sono distribuite in modo irregolare sul territorio nazionale,  con una concentrazione pari all’80% nelle regioni del nord Italia, e poche unità al sud. In alcune grandi città non c’è neppure uno di questi reparti. Leggi tutto…

  • pane fatto in casaE’ una necessità, visto che i soldi sono sempre di meno, e quindi sta diventando un’abitudine. Ma è anche una moda, un po’ da salutisti, quella di farsi il pane in casa, come si faceva un tempo, usando le mani e il forno, oppure  con le macchine del pane, i piccoli elettrodomestici in commercio da qualche tempo.

    Lievito liofilizzato, o lievito madre e poi farine a scelta, e acqua, si stempera tutto insieme e si mescola fino a raggiungere la densità dell’impasto uniforme, un’ora di lievitazione, e ancora qualche minuto di impasto, che si può lasciare lievitare una seconda volta, e infine si inforna. Preferibile il lievito madre naturale, mentre la farina integrale è di qualità superiore dal punto di vista nutritivo. Leggi tutto…

  • monza_tribunalePuò cambiare il modo di amministrare la giustizia in Italia? Possono diventare più efficienti tutti quegli uffici dei tribunali, che può capitare a noi cittadini di dover frequentare per vari motivi, questioni di esecuzioni immobiliari, eredità, diritto di famiglia…?

    La risposta sembra ovvia, certo che possono migliorare. Adesso che i piccoli tribunali sono costretti a cedere il passo a uffici centrali, magari più scomodi da raggiungere dalla provincia, sentiremo i vantaggi della riforma? I pareri non sono concordi. La nuova geografia giudiziaria si tradurrà in un servizio peggiore per i cittadini, dal momento che decine di città, anche di medie dimensioni, perderanno il tribunale? Leggi tutto…

  • centro di assistenza fiscaleAllora: c’è il saldo della Tares, poi l’Imu sulle seconde case e sui capannoni, per le imprese anche gli acconti Ires e Irap per il 2014, che si dovevano pagare entro l’inizio di dicembre. Ancora la rateizzazione dell’Irpef, e la cedolare secca sugli affitti delle case. Alla fine di dicembre scade l’Iva per artigiani e commercianti.

    Poi, da gennaio, ci troveremo di fronte a una nuova tassazione sugli immobili, mista ad una tassazione sui servizi comunali, e alla tassa sui rifiuti, il cui primo anticipo dovrebbe coincidere con un mini saldo Imu dell’anno precedente, deciso però dai singoli comuni, in base alla possibilità che ciascuna amministrazione comunale emani il suo proprio regolamento Imu, al quale si adeguano le aliquote dell’anno precedente. Leggi tutto…

  • banca eticaEsiste un modo di accumulare denaro che sia produttivo di vantaggi per le persone? La finanza etica ci prova, e riesce a dare credito alle cooperative che lavorano nei settori no-profit, le imprese che impiegano persone socialmente emarginate o disabili, le aiutano a rendersi economicamente indipendenti.

    Certo, si tratta solo di una parte del tessuto economico del nostro Paese, ma è una parte che cresce, ultimamente assume sempre maggiore rilevanza. In dieci anni queste imprese hanno creato nuovi posti di lavoro, e intorno a loro si è consolidata anche la fiducia delle persone. Leggi tutto…

  • ospedali europeiSi sono aperte le frontiere sanitarie europee, da ora in poi ci si potrà curare in uno qualsiasi degli ospedali pubblici di uno qualsiasi degli Stati di Schengen, cioè dei ventisette Stati membri dell’Unione Europea. E’ una direttiva comunitaria, recepita da un decreto legislativo italiano, a introdurre il principio della libera circolazione dei pazienti bisognosi di cure mediche, entro i confini dell’Unione. Leggi tutto…

  • borgo valle piolaQuanto può costare un paese, intendiamoci non con tutti gli abitanti ancora nelle case, ma un piccolo borgo abbandonato – e la nostra penisola ne è piena. In provincia di Teramo ce n’è uno che vale appena 550mila euro, e hanno deciso di metterlo su Ebay..

    Potrebbe diventare un albergo diffuso, questa scelta potrebbe essere anche una via per recuperare la dignità di luoghi che nessuno più ha curato, e rischiano di cadere a pezzi. Certo se l’acquisto è abbordabile, la ristrutturazione costa cara, ci vogliono alcune migliaia di euro..ma qualcuno in giro per l’Italia ha già fatto l’esperienza. Leggi tutto…

  • incendio capannone pratoCi chiediamo perché avvengano tragedie come quella di Prato – la morte di sette cinesi nel capannone dove abitavano e lavoravano – perché nel nostro Paese si lascino andare avanti situazioni note a tutti da anni, salvo esprimere indignazione e cordoglio quando queste situazioni improvvisamente degenerano in stragi, con morti e feriti.

    E’ la globalizzazione che ha favorito l’ingresso di un certo tipo di produzione nel nostro territorio? Oppure è la legge che  permette di chiamare made in Italy tutto quello che si produce in Italia con materie prime – anche scadenti – che vengono dall’estero? Leggi tutto…

  • cassonettoLa tassa dei rifiuti, ci avete capito qualcosa? Da gennaio si chiamerà Tari, forse è presto per capirci qualcosa, forse invece no, perché la prima scadenza prevista è il 16 gennaio, e se dovessero recuperare la mini-Imu si tratterebbe di mettere insieme due pagamenti, e allora sarebbero dolori..

    Comunque, per restare alla stretta attualità, anche quello che avviene in queste settimane coi pagamenti della Tares, tassa sui rifiuti che ha sostituito la vecchia Tarsu, dimostra il caos cui saremo esposti a partire dal prossimo anno. Leggi tutto…

  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Calendario