Fuori Tg - Fuori pagina

di Maria Rosaria De Medici

  • centro di assistenza fiscaleAllora: c’è il saldo della Tares, poi l’Imu sulle seconde case e sui capannoni, per le imprese anche gli acconti Ires e Irap per il 2014, che si dovevano pagare entro l’inizio di dicembre. Ancora la rateizzazione dell’Irpef, e la cedolare secca sugli affitti delle case. Alla fine di dicembre scade l’Iva per artigiani e commercianti.

    Poi, da gennaio, ci troveremo di fronte a una nuova tassazione sugli immobili, mista ad una tassazione sui servizi comunali, e alla tassa sui rifiuti, il cui primo anticipo dovrebbe coincidere con un mini saldo Imu dell’anno precedente, deciso però dai singoli comuni, in base alla possibilità che ciascuna amministrazione comunale emani il suo proprio regolamento Imu, al quale si adeguano le aliquote dell’anno precedente.

    Il problema non è soltanto che ci capiamo sempre di meno, il problema è dove trovare i soldi per pagare tutte queste tasse, alcune delle quali arrivano tra capo e collo, a colpi di variazioni dell’ultimo momento di leggi in via di approvazione.

    Lo Statuto dei diritti del contribuente, che pure sarebbe legge sin dal 2000, fissa l’informazione come criterio base, vale a dire che per poter pagare tutte le tasse dovremmo avere la certezza di quante e quali scadenze abbiamo di fronte, sin dall’inizio dell’anno. E invece si cambiano le carte in tavola da gennaio a dicembre, con una disinvoltura che si giustifica sempre sulla base di qualche emergenza. Il risultato spesso è la rateizzazione dei pagamenti, cui non riescono a fare fronte i più tartassati. Ecco.

    Tanto per consolarci, confrontiamoci con gli altri Paesi della zona euro. Siamo quarti nella classifica stilata da Bankitalia in base al livello di pressione fiscale. Pagano più di noi in Francia, Belgio, e Austria. Ma vogliamo parlare dei servizi che questi Stati offrono ai loro cittadini?

  • Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.
  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Calendario