Fuori Tg - Fuori pagina

di Maria Rosaria De Medici

  • blisterSarà capitato anche a voi…di avere un gran mal di testa! E magari un’amica vi dice che quel farmaco da banco è un analgesico fantastico, oppure c’è quell’antinfiammatorio che fa miracoli..

    Ecco, l’autocura, la scelta in autonomia delle medicine da prendere senza rivolgersi al medico, e neppure al farmacista, è una tendenza in aumento, forse perché ci sono anche problemi di tempo, manca la voglia di andare a chiedere consiglio al medico di base, e poi c’è internet, dove si trova una risposta per tutto, insomma i motivi possono essere mille, alla fine però c’è sempre il rischio di esagerare, di intossicarsi con l’effetto combinato di farmaci diversi, o di assumere qualcosa di non necessario per noi.

    I pericoli aumentano se a curarsi da soli sono gli anziani, che normalmente devono già gestire prescrizioni di sei-sette farmaci in media al giorno. Immaginate cosa può succedere se decidono di prendere qualche goccia in più di un ansiolitico per dormire meglio, oppure se aprono una vecchia confezione di antibiotico, rimasta in casa, per curare l’ennesima infezione urinaria. Il sovradosaggio, l’interferenza tra farmaci diversi, anche il passaggio disinvolto da un antifebbrile ad un altro perché si giudica non sufficientemente efficace il primo… insomma, i rischi sono tanti.

    Il problema generale è l’ignoranza di noi tutti, la scarsissima preparazione in chimica e biologia, che risale alla nostra formazione scolastica. Per questo, da adulti, ci facciamo condizionare dalle pubblicità, dal passaparola, da un amico che giudichiamo più esperto. O dai forum su internet. In realtà, spesso, basterebbe una telefonata al dottore.

  • Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.
  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Calendario