Fuori Tg - Fuori pagina

di Maria Rosaria De Medici

  • variante di valicoPerché ci vuole così tanto in Italia a realizzare un’opera pubblica come l’autostrada, o l’alta velocità ferroviaria, e perché ci sono tanti lavori che restano lì per anni, fermi in una sospensione che a volte si può trasformare in un definitivo abbandono? Tanti aspetti concorrono tutti allo stesso risultato.

    Le opere pubbliche sono  fonte di guadagni per le imprese che le realizzano, ad ogni stato di avanzamento, ad ogni variante del progetto, e rappresentano un guadagno per i gruppi di interesse che girano intorno agli appalti. In alcuni casi ci sono di mezzo affari criminali. In Italia esistono regole molto complicate da seguire, in teoria, ma lasciate nella pratica all’interpretazione di volta in volta diversa, e i controlli non sono puntuali a fronte di tale e tanta complessità normativa.

    Inoltre le grandi opere non occupano molte persone in tempi brevi, anzi fanno esattamente il contrario. Quindi anche l’ipotetico rilancio dell’economia rimane dubbio. Perché da un momento all’altro i lavori si possono fermare, a causa di mancanza di finanziamenti, di difetti di progettazione – che in un territorio difficile come quello italiano non sono infrequenti – o di sequestro di cantieri per irregolarità dovute a diverse interpretazioni della legge, di sospensioni a causa dei ricorsi al tar da parte delle ditte che si ritengono ingiustamente escluse dalla gara per l’assegnazione dei lavori, o per l’avvio di un’inchiesta su sospetti affari illeciti legati all’appalto….

    Consideriamo poi quanti veicoli circolano sulle autostrade italiane: il traffico è diminuito a causa della crisi, mentre rimane intenso intorno e dentro ai grandi centri urbani –  e però da noi praticamente non si investe in questo tipo di viabilità. La qualità della vita rimane bassa per gli automobilisti, le spese per i cantieri stradali sono sempre elevate, e i tempi sempre più lunghi. Tutta questa incertezza allontana gli investimenti, e alimenta i dubbi sulla capacità del sistema italiano di realizzare le grandi opere.

  • Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.
  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Calendario