Fuori Tg - Fuori pagina

di Maria Rosaria De Medici

  • diritto all'oblioOgnuno di noi ha diritto al rispetto dei propri dati personali, della propria storia. Quando le vicende della vita si intrecciano con fatti di cronaca, e si finisce coinvolti in vicende giudiziarie, che si concludono dopo anni, magari con l’assoluzione, si può aver voglia di dimenticare quello che ci ha visti oggetto di notizie di cronaca, dolorose e difficili da superare. E si può desiderare di vederlo sparire dalle prime pagine dei motori di ricerca quando si digita su Google il proprio nome e cognome.

    Dall’altra parte però c’è il diritto dell’opinione pubblica a essere informata su quanto accade. In altre parole, il diritto all’oblio, che è riconosciuto dalla giurisprudenza, incontra il solo limite del diritto di cronaca. Su internet le pagine non durano in eterno, ma in realtà ci sono logiche in gran parte ignote ai normali utenti, ed è in base a tali logiche che le informazioni vengono cancellate oppure scadono. E’ come un grande archivio sconosciuto alla maggioranza, tanto che ci sono dei siti che conservano anche tutto ciò che in osservanza del diritto all’oblio viene cancellato dalla superficie.

    L’internet profondo è materia oscura, e una parte dei contenuti è anche materia storica. I ricercatori che rimettono insieme i pezzi e le biografie hanno bisogno di attingere alle fonti. E quelle, ai giorni nostri, sono immateriali. Chi si sente in diritto di veder cancellare dalla rete informazioni che lo riguardano può rivolgersi al Garante della Privacy che avvierà un’istruttoria di verifica e potrà decidere per l’eventuale cancellazione. Non è un procedimento automatico, non dà sempre l’esito dell’oblio.

    Poi ci sono altre informazioni  che noi stessi abbiamo messo in rete e sono alla portata di chi voglia venderci qualcosa. Ma questa è un’altra storia. La rete è un territorio dominato dalla logica del mercato. La sfida è di cambiare criterio, di sostituire alle leggi di domanda e offerta la valorizzazione delle persone, ma è una sfida che passa attraverso la maggiore responsabilità di tutti.

     

  • Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.
  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Calendario