Fuori Tg - Fuori pagina

di Maria Rosaria De Medici

  • Nov17

    Aids

    ore15:19

    fba861b8916a8e41c444d80f257f3e9aOgni anno in Italia si ammalano quattromila persone. Il dramma è che queste diagnosi, nella maggioranza dei casi, sono tardive. Si stimano 120mila contagiati, 90mila sono quelli individuati. Rispetto alle possibilità di contagio da Hiv la rimozione del rischio è così diffusa che non se ne parla quasi più.

    E se le terapie si sono evolute, dalla fine degli anni ’90 ad oggi, tanto che si possono curare tutti gli ammalati italiani – sono di fatto pazienti cronici dei reparti di malattie infettive – e se i farmaci si sono alleggeriti e vengono completamente rimborsati dal servizio sanitario nazionale, resta il nodo della prevenzione. E non si tratta di una questione da poco.

    Non si fa educazione, non si fa informazione, e anche i test della saliva somministrati gratuitamente e in forma anonima dai medici e dalle associazioni – prossimo appuntamento dal 20 al 27 novembre European Testing Week – concentrano una schiacciante maggioranza di individui negativi al virus, perché le persone che hanno comportamenti a rischio non ci pensano proprio a sottoporsi alle analisi.

    Si può fare tanto, in termini di informazione, e soprattutto si possono valorizzare gli studi recenti in materia di vaccini, che se finanziati adeguatamente potrebbero entrare in produzione entro tre anni, e riuscirebbero a rendere molto più lieve la convivenza con il virus Hiv, rafforzando il sistema immunitario.

    Ma la vera battaglia rimane la prevenzione. Chi non si sottopone ad analisi e non segue comportamenti responsabili diventa un agente potenziale di contagio. Proteggere di più se stessi e gli altri è l’unica strada. I maggiori rischi li corre chi contrae l’Hiv e non ne è consapevole. Il paziente che si presenta tardi agli ospedali, affronterà le conseguenze più pesanti della malattia.

  • Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.
  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Calendario