Fuori Tg - Fuori pagina

di Maria Rosaria De Medici

  • anziani-maltrattati-pratoSiamo un paese che invecchia, chi si prenderà cura di noi? La fascia di popolazione sopra gli ottant’anni cresce costantemente in Italia, e questo sta provocando un’inversione di ruoli nelle nostre famiglie. I giovani sono sempre di meno, mentre i cinquanta-sessantenni diventano nei fatti genitori dei loro genitori.

    Il compito è soprattutto affidato alle donne, che si sono sempre fatte carico del ruolo di cura, e di fronte alla carenza cronica del welfare italiano si trovano costrette a sostenere i propri familiari anziani, in mancanza di alternative.

    C’ è un problema di tipo economico, legato ai costi dell’assistenza domiciliare privata, ma c’è anche un problema affettivo. Per noi italiani i rapporti familiari sono molto intensi, e la presenza di un figlio rimane uno stimolo emotivo centrale nella vita delle persone anziane. Poi ci sono gli interessi, lo studio, il movimento, le attività culturali e di svago.

    Ma quello che un figlio può dare è il suo tempo, l’interesse, la qualità dello stare insieme, la condivisione. Proprio sul tempo possono nascere i conflitti, perché a cinquanta o sessant’anni si ha voglia di viaggiare, di fare esperienza, mentre a novant’anni le esigenze sono diverse. E le famiglie non sono più così numerose come un tempo, in modo da permettere turni di presenza attiva tra più fratelli e sorelle. Insomma, tornando alla domanda iniziale, la fragilità è in aumento nel nostro Paese. E i figli sono in diminuzione. Quando toccherà a noi, come faremo?

     

  • Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.
  • Twitter

  • RSS

  • YouTube

  • Facebook

  • Podcast

  • Sondaggi

Calendario